(17) Cerchie di letame

Ciclicamente si criticano aspramente i gestori dei social network per la loro presunta incapacità di moderare o rimuovere contenuti offensivi, denigratori o illegali. Come al solito non si ha la percezione di cosa vuol dire controllare in tempo reale la quantità gigantesca d'informazioni che circolano in rete. Si può fare tanto ma non è mai abbastanza perché ad ogni foto, post o commento rimosso se ne aggiungono altri cento. C'è tanta prostituzione perché la domanda è alta, ed allo stesso modo c'è molto odio in rete perché migliaia di frustrati, superficiali ed analfabeti funzionali, ogni giorno alimentano questa nuova forma di violenza. Mentre voi cazzeggiate sui social, ci sono centinaia di schiavi che revisionano tutti i post di Facebook contrassegnati dalle intelligenze artificiali come ipoteticamente non conformi alle regole d'uso. Alcuni di questi giovani impiegati hanno tentato il suicidio, sono entrati in paranoia o in depressione; perché non è bello stare ore a leggere o vedere il peggio del peggio. Come disse l'ex dirigente e cofondatore di Facebook, Chamath Palihapitiya: "Ai miei figli non consento di usare quella merda".
Sempre come ha affermato Palihapitiya, i social network stanno modificando negativamente il nostro modo di relazionarci. A tal fine vi descrivo il mio caso personale. Dopo essermi tolto da Facebook la quasi totalità degli amici, che credevo lo fossero anche nella vita reale, sono svaniti nel nulla. Se si organizza un evento per il quale si apre una pagina facebook o un gruppo di chat, il non farne parte ti fa incorrere nel rischio di essere sistematicamente esclusi tra gli invitati. Il click o il tap è diventato uno strumento di marketing potentissimo, ma anche un triste modo di eliminare tutti coloro che non si conformano a questa prassi. Sono convinto che se mi togliessi anche da whatsapp, per altrettante persone io smetterei di esistere. "Ah già tu non sei nel nostro gruppo whatsapp accidenti non sei informato, abbiamo scritto tutto la!!!".
Vi sarò antipatico o fuori moda, ma definisco 'cerchie di letame' i gruppi facebook e whatsapp: luoghi virtuali dove conoscenti, sconosciuti, pseudo amici o parenti sparano sentenze nascosti dietro ad un telefono.

...

Se vuoi ricevere una notifica per essere aggiornato sui nuovi post, ti basta cliccare su "Subscribe" e digitare la tua casella eMail.

Puoi condividere questo post o fare copia\incolla sui social e siti personali a condizione che citi la fonte riportando il seguente link: https://listed.to/@Mikael

Grazie


You'll only receive email when Mikael publishes a new post

More from Mikael